Youtube + BBC

Come preannunciato qualche giorno fa, BBC e YouTube hanno finalmente siglato un accordo che punta a rendere disponibile sulla piattaforma video americana tutti i filmati storici, i successi del momento ed i videoclip promozionali dell’emittente inglese.
Secondo il Direttore Generale Mark Thompson, con questa operazione la BBC spera allargare il numero di telespettatori, richiamando visitatori sul sito originale ed incrementando le vendite.
Ci saranno due canali di intrattenimento e presto anche uno di notizie. Inizialmente la BBC inserirà video di successi del momento come Life on Mars e Doctor Who, filmati di vecchi successi quali Spooks e Top Gear, e 30 videonotizie (non visibili agli utenti britannici che pagano il canone BBC), nonché i video-diari, come quello dell’attore David Tennant sul set di Doctor Who e quello del giornalista Clive Myrie sulle strade della zona rossa di Baghdad.
Stranamente su questo accordo si sono registrate molte reazioni negative. Secondo alcuni, infatti, per la sua natura di servizio pubblico, la BBC non dovrebbe puntare su progetti fortemente commerciali.
Negli Stati Uniti già numerose emittenti televisive hanno incrementato gli indici di audience dopo aver reso disponibili filmati su YouTube.

YouTube vs CBS

Secondo il Wall Street Journal, YouTube e CBS avrebbero fortemente rivisto i termini dell’accordo tra le due parti sulla distribuzione dei contenuti del canale televisivo americano. Niente spazio per David Letterman ed il suo The Late Show.
L’alleanza con la CBS era il fiore all’’occhiello di YouTube per attrarre utenti e, soprattutto, altri content provider sulla propria piattaforma video.
Per YouTube si tratta della seconda brutta notizia dopo che Viacom aveva già richiesto la cancellazione di migliaia di file video dai server della società di Google migrando totalmente verso Joost (www.joost.com).
Nel frattempo sembra che YouTube stia per chiudere un contratto di collaborazione con la BBC.

E vide la luce (riflessa)

Microsoft ha presentato con anticipo in Italia l’ultima sua fatica in fatto di sistemi operativi: Windows Vista. Più costoso, più restrittivo, più esoso in termini di risorse hardware. Che volete di più?

Da notare le immancabili similitudini con le features dell’OS di casa Apple. D’altronde come farne a meno?

Google acquista YouTube. Torna il sogno della New Economy?

E’ ufficiale. Google ha acquistato YouTube per 1,65 miliardi di dollari. Le voci erano iniziate a circolare nei giorni scorsi sui blog di tutto il mondo e riprese dalle agenzie online e offline.
Google ha affermato che YouTube rimarrà indipendente da Google. La strategia di Google punta a mettere a disposizione più contenuti possibili per i visitatori e di conseguenza ad attrarre un numero maggiore di inserzionisti.
YouTube è stato fondato nel Febbraio del 2005 da 3 ragazzi: Chad Hurley (CEO), Steve Chen (CTO) e Jawed Karim (consigliere), tutti ex dipendenti di PayPal.
Oggi YouTube è il sito Internet che presenta il maggior tasso di crescita. A Giugno 2006 l’azienda ha comunicato che quotidianamente vengono visualizzati circa 100 milioni di video, con 65.000 nuovi filmati aggiunti ogni 24 ore. L’azienda di analisi Nielsen/NetRatings valuta che il sito ha circa 20 milioni di visitatori al mese.
Con quest’acquisizione Google passa dal terzo al secondo posto in classifica per il numero di visite. Le due società (Google e YouTube) insieme hanno generato 101 milioni di visitatori nello scorso mese di agosto mentre Yahoo! e MSN (Microsoft) hanno raggiunto rispettivamente 106,7 milioni e 98,5 milioni.
I titoli di Google sono saliti di $2,50 e sono arrivati a $431,50 dopo l’annuncio dell’acquisizione che verrà conclusa nel corso del quarto trimestre.
Quest’operazione riporta alla memoria i fasti passati della New Economy in piena espansione. Un’operazione del genere, almeno così clamorosa, non si vede da un bel pò di tempo.
Faccio i miei complimenti a Chad e Steve (Jawed ha preferito continuare gli studi universitari senza abbandonare completamente la società) che, per salutare e ringraziare tutti gli utenti della loro creatura, hanno pubblicato un simpatico video.